La crescita del cucciolo

Quanti dubbi… quante domande… quanti perché…
Ma quante gioie e quanti insegnamenti, aggiungerei.

Crescere un cucciolo non è difficile se, è ben radicato in noi, il concetto che stiamo crescendo un cucciolo di cane e non di uomo.
Naturalmente, il cane rimarrebbe con il suo branco per sempre, scegliendo preferibilmente di non andarsene mai.
Nella società umana, il cane entra a far parte del branco-famiglia, in linea di massima, poco dopo lo svezzamento. Spetta quindi all’uomo, l’educazione di base del nuovo arrivato. Se il neo-precettore sarà capace di trasformarsi in papà e mamma cane, non ci saranno problemi, il cucciolo crescerà equilibrato e felice.
Se invece ciò non dovesse accadere, e la creatura dovesse ricevere una formazione diversa, è possibile, per non dire è certo, che quel cagnolino in futuro, non condurrà una vita che si confà alla sua natura.
Imparando la legge naturale del branco e, tramite essa, la semplicità delle azioni del cane, la vita con un amico a quattro zampe si rivelerà un meraviglioso viaggio nel mondo perduto della natura.